Vai al contenuto pricipale
Oggetto:
Oggetto:

Conservazione dei vertebrati

Oggetto:

Vertebrate conservation

Oggetto:

Anno accademico 2019/2020

Codice attività didattica
SVB0128
Docente
Dott. Sandro Bertolino (Titolare)
Corso di studio
[f008-c508] LM in Biologia dell'Ambiente (Classe LM-06)
Anno
2° anno
Tipologia
Caratterizzante
Crediti/Valenza
6
SSD attività didattica
BIO/07 - ecologia
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Facoltativa
Tipologia esame
Orale
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

L'insegnamento concorre alla realizzazione dell'obiettivo formativo del corso di studi in Biologia dell'Ambiente permettendo allo studente di acquisire le conoscenze sulla ecologia e conservazione dei vertebrati, sui fattori che minacciano la diversità animale e le strategie di conservazione.

Rafforzare i concetti di ambiente e specie minacciate.

Capire quali pressioni negative, naturali e di origine antropica, gravano sui vertebrati e sugli ambienti in cui vivono.

Acquisire capacità nel settore dell'ecologia avanzata, in particolare nel contesto della tutela della biodiversità animale, in modo da sviluppare competenze specifiche per poter portare avanti ricerche che comprendano il monitoraggio dei vertebrati, il monitoraggio ambientale e consulenze in campo ecologico e di biologia della conservazione.

The teaching contributes to the realization of the educational objective of the course in Environmental Biology, allowing the student to acquire expertise on the ecology of vertebrates, main threats to biodiversity conservation and strategies to preserve biodiversity.

Strengthening the concepts of environment and threatened species. Understand natural and anthropic pressures that act on vertebrates and the environments where they live.

Acquire skills in advanced ecology and in conservation biology, in order to be able to carry out research involving vertebrates and habitat monitoring and work in the fields of ecology and conservation biology.

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Al termine dell'insegnamento, lo studente dovrebbe possedere le seguenti conoscenze e capacità:

  • Conoscenza approfondita delle caratteristiche ecologiche dei vertebrati;
  • Conoscenza delle principali specie di vertebrati presenti in Italia;
  • Comprensione dei principali fattori di minaccia che agiscono sui vertebrati, quali perdita e frammentazione degli habitat, presenza di specie alloctone;
  • Comprensione e capacità di rielaborazione di concetti quali la conservazione delle specie, specie native e introdotte, interazioni specie-ambienti;
  • Saper comprendere e discutere criticamente le principali strategie nazionali e internazionali per la conservazione dei vertebrati;
  • Capacità di pianificare e attuare progetti di conservazione per i vertebrati;
  • Capacità di applicare in diversi campi lavorativi le conoscenze acquisite, in particolar modo in ambito faunistico, della gestione ambientale, della conservazione di specie e ambienti;
  • L'autonomia di giudizio sarà potenziata stimolando lo studente durante lo svolgimento del corso a intervenire con valutazioni critiche personali;
  • La struttura del corso dovrebbe consentire allo studente di saper comunicare le proprie conoscenze specifiche in modo chiaro e sufficientemente approfondito, apportando esempi concreti a supporto delle teorie o di concetti generali.

At the end of teaching, the student should have the following knowledge and skills:
• An in-depth knowledge of the ecological characteristics of vertebrates;
• A knowledge of the main vertebrate species present in Italy;
• An understanding of the main threats affecting vertebrates, such as habitat loss and fragmentation, the introduction of invasive species;
• An understanding and ability to use concepts such as conservation of species, native and introduced species, species-habitat interactions;
• An understanding and ability to critically discuss national and international key strategies for the conservation of vertebrates;
• An ability to plan and implement conservation projects for vertebrates;
• An ability to apply their skills in working activities, particularly in wildlife management and species and habitat conservation;

• An independent thinking will be enhanced by stimulating the student during the course to weigh in with personal critical assessments;
• The structure of the course should enable the student to communicate her/his knowledge in a clear and thorough manner by providing concrete examples to support theories or general concepts.

Oggetto:

Programma

PRINCIPI DI BIOLOGIA DELLA CONSERVAZIONE: Cos'è la biodiversità? Perché deve essere mantenuta? Che cosa dobbiamo proteggere?

IMPATTI: variazione nella distribuzione delle specie e nella loro abbondanza; frammentazione, trasformazione e distruzione degli habitat; prelievo eccessivo; specie introdotte invasive; cambiamenti climatici.

PESCI D'ACQUA DOLCE: una vita nell'acqua; zonazione dei fiumi; pesci italiani; lo status dei pesci europei; lo status dei pesci italiani; fattori di minaccia per i pesci in Europa; captazioni idriche, specie introdotte, dighe e produzione elettrica, inquinamento; la situazione in Italia; misure di conservazione; casi di studio: pesci e cormorani, l'introduzione del siluro.

ANFIBI: tra acqua e terra; anfibi italiani; lo status degli anfibi Europei; lo status degli anfibi italiani; fattori di minaccia per gli anfibi in Europa: perdita e degradazione degli habitat, captazioni idriche, malattie; la situazione in Italia; misure di conservazione; casi di studio: la gestione delle zone umide per gli anfibi.

RETTILI: rettili italiani; lo status dei rettili Europei; lo status dei rettili Italiani; fattori di minaccia per i rettili in Europa: perdita e degradazione degli habitat, prelievo eccessivo, persecuzione; la situazione in Italia; misure di conservazione; casi di studio: Emys orbicularis.

UCCELLI: uccelli italiani; lo status degli uccelli Europei; lo status degli uccelli italiani; fattori di minaccia per gli uccelli in Europa: caccia e collezione, intensificazione agricola e allevamenti, perdita e degrado degli ambienti, inquinamento, specie introdotte; la situazione in Italia; misure di conservazione; casi di studio: gli ardeidi nella Pianura Padana, la reintroduzione di Gypaetus barbatus.

MAMMIFERI: mammiferi italiani; lo status dei mammiferi Europei; lo status dei mammiferi italiani; fattori di minaccia per i mammiferi in Europa: perdita e degradazione degli habitat,  inquinamento, disturbo e persecuzione umana, specie introdotte; la situazione in Italia; misure di conservazione; casi di studio: la ricolonizzazione naturale del lupo, la reintroduzione dello stambecco, stiamo proteggendo la specie sbagliata? Muscardinus avellanarius vs. Eliomys quercinus; i chirotteri sono minacciati globalmente.

CONSERVAZIONE DEL PAESAGGIO: conservazione degli habitat; la perdita del suolo; intensificazione dell'agricoltura; casi di studio: la gestione degli habitat nella Pianura Padana: zone umide e boschi; ambienti alpini tra foreste e pascoli.

SPECIE INTRODOTTE INVASIVE: la seconda causa di perdita di biodiversità, la situazione in Europa, vettori, una strategia globale: prevenzione, allarme e risposta rapida, gestione, liste bianche e nere, valutazione del rischio, Regolamento Europeo 1143/2014 sulle specie aliene invasive.

PRINCIPLES OF CONSERVATION BIOLOGY: What is biodiversity? Why biodiversity should be preserved? What should be preserved?

IMPACTS:changes in species distributions and abundances; habitat destruction, habitat fragmentation and landscape change; harvesting natural populations; invasive alien species; climate change.

FRESHWATER FISHES: life in the water; river zonation; Italian freshwater fishes; the status of European freshwater fishes; the status of Italian freshwater fishes; major threats to freshwater fishes in Europe: water abstraction, alien species, hydropower and water control dams, pollution; a focus in Italy; conservation measures; case studies: cormorants and fishes, the introduction of Silurus glanis.

AMPHIBIANS: between water and land; amphibians in Italy; the status of European amphibians; the status of Italian amphibians; major threats to amphibians in Europe: habitat loss and degradation, water abstraction; diseases; a focus in Italy; conservation measures; case studies: pond management for amphibians.

REPTILES: reptiles in Italy; the status of European reptiles; the status of Italian reptiles; major threats to reptiles in Europe: habitat loss and degradation, harvesting, persecution; a focus in Italy; conservation measures; case studies: Emys orbicularis.

BIRDS: Italian birds; the status of European birds; the status of Italian birds; major threats to birds in Europe: biological resource use (e.g. hunting, collection), agriculture and livestock farming, habitat loss and degradation, pollution, alien species; a focus in Italy; conservation measures; case studies: herons in the Po Plain; reintroduction of Gypaetus barbatus.

MAMMALS; Italian mammals; the status of European mammals; the status of Italian mammals; major threats to mammals in Europe: habitat loss and degradation, pollution, human disturbance and persecution, alien species; a focus in Italy; conservation measures. case studies: natural recovery of Canis lupus; human-mediated recovery of Capra ibex; are we protecting the wrong species? Muscardinus avellanarius vs. Eliomys quercinus; bats are globally threatened.

LANDSCAPE CONSERVATION: habitat conservation; soil loss; agricultural intensification, case studies: landscape management in the Po plain: wetlands and forests; alpine habitats between forests and grasslands.

INVASIVE ALIEN SPECIES: the second leading cause of biodiversity loss; a focus in Europe; pathways; a global strategy: prevention, early warning, management; black and white lists; risk-assessments; European Regulation 1143/2014 on invasivealienspecies.

 

Oggetto:

Modalità di insegnamento

Lezioni frontali e seminari (44 ore) più una esercitazione in campo di circa 8 ore (visita a progetti di conservazione in corso).

Lectures (44 hours) and 8 hours for a field-based exercise (visit to an on-going conservation projects)

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame consiste in una prova orale che prevede la somministrazione di 3-5 domande e include anche la presentazione e la discussione di un articolo scientifico assegnato dal docente o scelto dallo studente in accordo con il docente. Le domande riguarderanno uno o più gruppi di vertebrati e uno o più fattori di minaccia. Le risposte, oltre a prevedere un inquadramento generale dell'argomento richiesto, dovranno preferibilmente essere integrate con esempi specifici, tra quelli illustrati durante il corso o portati dallo studente stesso. Le domande sono quindi finalizzate a verificare sia l'acquisizione dei concetti fondamentali che riguardano la conservazione dei vertebrati e sia la capacità dello studente di applicare a casi reali quanto appreso a livello generale.  

The oral examination will consist of 3-5 questions and will also include the presentation and discussion of a scientific article assigned by the teacher or chosen by the student in agreement with the teacher. The questions will concern one or more vertebrate groups and one or more threat factors. Answers, besides providing a general overview of the subject, should preferably be integrated with specific examples, including those illustrated during the course or new ones brought by the student. The questions are therefore aimed at verifying both the acquisition of key concepts regarding the conservation of vertebrates and the ability of the student to apply the general concept learnt during the course to real cases.

Oggetto:

Attività di supporto

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Articoli scientifici forniti dal docente e la seguente documentazione disponibile online:

  • Freyhof J., Brooks, E. 2011. European Red List of Freshwater Fishes. Luxembourg: Publications Office of the European Union. https://portals.iucn.org/library/sites/library/files/documents/RL-4-015.pdf
  • Zerunian S. 2003. Piano d'azione generale per la conservazione dei Pesci d'acqua dolce italiani. Quaderni di Conservazione della Natura, 17. Ministero dell'Ambiente e Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. http://www.isprambiente.gov.it/contentfiles/00006700/6726-17-qcn-pesci-acqua.pdf
  • Zerunian S. 2004. Pesci delle acque interne d'Italia. Quaderni di Conservazione della Natura, 20. Ministero dell'Ambiente e Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. http://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/biblioteca/qcn_20.pdf
  • Temple H.J., Cox N.A. 2009. European Red List of Amphibians. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_amphibians.pdf
  • Cox N.A., Temple H.J. 2009. European Red List of Reptiles. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_reptiles.pdf
  • BirdLife International 2015. European Red List of Birds. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_birds.pdf
  • Temple H.J., Terry A. (Compilers). 2007. The Status and Distribution of European Mammals.
    Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_mammals.pdf
  • Rondinini C., Battistoni A., Peronace V., Teofli C. (compilatori). 2013. Lista Rossa IUCN dei Vertebrati Italiani. Comitato Italiano IUCN e Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Roma. http://www.iucn.it/pdf/Comitato_IUCN_Lista_Rossa_dei_vertebrati_italiani.pdf

Scientific articles provided by the teacher and the following documentation available online:

  • Freyhof J., Brooks, E. 2011. European Red List of Freshwater Fishes. Luxembourg: Publications Office of the European Union. https://portals.iucn.org/library/sites/library/files/documents/RL-4-015.pdf
  • Zerunian S. 2003. Piano d'azione generale per la conservazione dei Pesci d'acqua dolce italiani. Quaderni di Conservazione della Natura, 17. Ministero dell'Ambiente e Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. http://www.isprambiente.gov.it/contentfiles/00006700/6726-17-qcn-pesci-acqua.pdf
  • Zerunian S. 2004. Pesci delle acque interne d'Italia. Quaderni di Conservazione della Natura, 20. Ministero dell'Ambiente e Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. http://www.minambiente.it/sites/default/files/archivio/biblioteca/qcn_20.pdf
  • Temple H.J., Cox N.A. 2009. European Red List of Amphibians. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_amphibians.pdf
  • Cox N.A., Temple H.J. 2009. European Red List of Reptiles. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_reptiles.pdf
  • BirdLife International 2015. European Red List of Birds. Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_birds.pdf
  • Temple H.J., Terry A. (Compilers). 2007. The Status and Distribution of European Mammals.
    Luxembourg: Office for Official Publications of the European Communities. http://ec.europa.eu/environment/nature/conservation/species/redlist/downloads/European_mammals.pdf
  • Rondinini C., Battistoni A., Peronace V., Teofli C. (compilatori). 2013. Lista Rossa IUCN dei Vertebrati Italiani. Comitato Italiano IUCN e Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Roma. http://www.iucn.it/pdf/Comitato_IUCN_Lista_Rossa_dei_vertebrati_italiani.pdf
Registrazione
  • Aperta
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 04/06/2019 12:36
    Location: https://lmbiologia.campusnet.unito.it/robots.html
    Non cliccare qui!